Inquinamento luminoso

Inquinamento luminoso

L’inquinamento luminoso è un’alterazione dei livelli di luce naturalmente presenti nell’ambiente notturno causati da fonti di luce artificiali. Potrebbe venir definito anche come una perdita incontrollata di luce da fonti artificiali al di fuori delle aree che dovrebbero venir illuminate, soprattutto quando il flusso di luce è diretto verso l’alto.

 

Le conseguenze sono il bagliore del cielo notturno sopra le città, l’eccesso di illuminazione, la visibilità notturna ridotta e un enorme spreco di energia. La conseguenza principale è un cielo notturno sempre più illuminato e di seguito lo svanimento di stelle e della notte come bene naturale. L’inquinamento luminoso ha un effetto negativo sulla biosfera, disturba la migrazione di uccelli, mette in pericolo colonie di pipistrelli, disturba la nidificazione delle tartarughe e molte specie di insetti tra i quali anche molte specie di impollinatori. Rappresenta un pericolo anche per la salute umana soprattutto disturba la formazione di melatonina durante la notte e di conseguenza può provocare innsonia, sovrappeso, tumori al seno a alla prostata.  

Lead partner:

I partner del progetto: